Istruzioni per l'uso di Proviron nel bodybuilding

Proviron viene utilizzato più spesso da 3-4 settimane di corso. Spesso si connettono dalla prima settimana. Come abbiamo detto prima, per gli uomini la dose normale del farmaco è di 75-150 mg, per le donne - 25 mg. Ma di solito, gli atleti sovrastimano il dosaggio, aumentandolo rispettivamente a 250 mg e 50 mg proviron.

Questo è il valore massimo consentito al quale è ancora possibile evitare gli effetti collaterali. Se si supera il valore specificato, il farmaco, invece di ridurre gli effetti dannosi degli steroidi anabolizzanti e mantenere la libido e l'erezione normale, può portare a erezioni dolorose prolungate. Questo è un segnale per ridurre la quantità di farmaco al giorno. La dose è suddivisa in due o tre dosi. La compressa deve essere deglutita intera con abbondante liquido. Queste sono raccomandazioni generali su come assumere Proviron durante il corso di steroidi anabolizzanti e dopo il corso; per selezionare un dosaggio individuale, è necessario consultare uno specialista. Inoltre, prima di entrare nel corso, è necessario visitare un medico e assicurarsi di non avere controindicazioni, non ci sono processi tumorali, non c'è aumento del livello di calcio nel sangue, diabete, epilessia, malattie cardiovascolari, malattie renali o epatiche , ipertensione, emicrania o altre malattie.

In tutti questi casi, l'assunzione del farmaco è severamente vietata. Anche per le persone completamente sane, l'assunzione di Proviron non dovrebbe iniziare con dosi elevate. Proviron, come già noto sopra, non dovrebbe essere preso su PCT. È in grado di sopprimere la produzione naturale di ormoni sessuali in circa una persona su tre che assume questo farmaco. Il mesterolone preserva e rinforza la massa muscolare, non trattiene i liquidi nel corpo e neutralizza gli effetti dell'assunzione di steroidi anabolizzanti. Se stai usando il farmaco, devi essere testato ed esaminato regolarmente.

Tra i necessari:

  1. Ultrasuoni della ghiandola prostatica;
  2. Esame di routine dei marker della prostata;
  3. Controllo ematologico e biochimico;
  4. Esame del sistema riproduttivo maschile;
  5. Ultrasuoni della cavità addominale.